Fine Art

MDG 01

300,00500,00

Fine Art

MDG 01

300,00500,00

Fine Art

MDG 02

300,00500,00

Fine Art

MDG 03

300,00500,00

Fine Art

MDG 04

300,00500,00

Fine Art

MDG 05

300,00500,00

Fine Art

MDG 06

300,00500,00

Fine Art

MDG 07

300,00500,00

Fine Art

MDG 08

300,00500,00

Fine Art

MDG 09

300,00500,00

Fine Art

MDG 10

300,00500,00

Fine Art

MDG 12

300,00500,00

ENTELECHIA DELL’INVISIBILE
Dimensione: 30×30 cm
Pagine: 68
Presentazione: Carlo Riggi, Romano Sansone
Copertina: Fedrigoni Sirio Black 350 gr stampa vernice UV trasparente spessorata
Interno: Fedrigoni Tintoretto Gesso 300 gr stampa bianco e nero
Rilegatura: Giapponese a 4 fori
Data di publicazione: Gennaio 2018
Edizione Limitata di 50 copie Ogni volume è autografato e numerato a mano dall’autore.

www.micheledigiacomo.it

“Entelechia dell’invisibile, il racconto della vita nelle foto di Michele Di Giacomo è compiuto attraverso fessure e interstizi virtuali aperti su un quotidiano che, visto con gli occhi dell’autore, appare costellato di momenti unici e irripetibili. Michele mette sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi, il cuore e la poetica bressoniana per fare foto che con HCB s’apparentano talvolta solo alla lontana.
L’incipit, per esempio, è francamente Giacomelliano, e più avanti si intravvedono altri richiami, da Doisneau a Sellerio, come dire tutta la lezione dei grandi fotografi flâneurs del secolo scorso, che è poi la lezione della narrazione fulminea, fatta con la luce e ancor più con l’ombra, di quel che si vede ma anche di quel che non c’è più o non c’è ancora, un prima e un dopo che la fotografia forse non è in grado di svelare ma può certamente evocare.
C’è una via Di Giacomiana all’invisibile? Di certo c’è che ogni sua immagine è un racconto denso, una sceneggiatura estemporanea ma completa, ottenuta sempre con pochi essenziali elementi.
Sfogliare questo libro è leggere il diario di bordo di una nave, in cui Cartier Bresson è arruolato come ufficiale di rotta ma il cui timone è saldamente nelle mani di Michele Di Giacomo, un autore a cui auguriamo lunghi e avventurosi viaggi in quegli oceani di reale-immaginario in cui egli sembra navigare con naturale destrezza.”

Carlo Riggi